Stampa

IUC 2018 TASI - IMU - TARI

iucanno 2016

 Con la Legge 27 dicembre 2013, n. 147 è stata istituita ,dal 2014, l'imposta unica comunale (IUC) che si compone dell'imposta municipale propria (IMU), dal tributo sui servizi indivisibili (TASl) e dalla tassa sui rifiuti (TARI). L'IMU e la TASI devono essere corrisposti in autoliquidazione dai contribuenti mediante compilazione del modello F24   (www.comune.bucciano.bn.it) e pagamento presso tutti gli uffici postali o istituti bancari. La TARI deve essere corrisposta sulla scorta degli avvisi di pagamento da inviare a cura dell’Ente. (leggi  QUI)

 

A decorrere del 01 Gennaio 2016:

 

1)    E’ esclusa la TASI, ai sensi dell’art. 14 lett. a), b) e d), della legge 208/2015, per le seguenti tipologie:

       abitazione principale, così come definita ai fini imu;

  l’unità immobiliare nella quale l’utilizzatore e il suo nucleo familiare hanno la dimora abituale e la residenza anagrafica; in questo caso il possessore versa la TASI nella percentuale stabilita dal Comune che è pari all’80%;

  le predette agevolazione non si applicano alle abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 ed A/9.

2)   E’ ridotta al 50% la base imponibile di IMU e TASI, ai sensi dell’art. 1, comma 10, lett. a) e b) della legge 208/2015 alle seguenti condizioni:

  Unità immobiliari concesse in comodato d’uso gratuito dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il grado che la utilizzano come abitazione principale;

  Il contratto di comodato deve essere registrato;

  Il comodante deve possedere un solo immobile in Italia e deve risiedere anagraficamente e dimorare abitualmente nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato;

  Il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possiede nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, purc non sia A/1, A/8 e A/9;

  Il soggetto passivo deve attestare il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione IMU;

  Lagevolazione non si applica alle abitazioni di categorie A/1, A/8 ed A/9.

3)    sono esenti dallIMU i terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell’articolo 15 della Legge 27 dicembre 1977, n. 984, di cui ai Fogli nn. 1-2-3-5-7-8 e Foglio n. 6 con esclusione delle p.lle 226-227 da 256 a 259 278 311a 311b 331 353 -362 in quanto il Comune di Bucciano (BN) è ricompreso nell’elenco di cui alla Circolare n. 9 del 14 giugno

1993; le particelle aventi caratteristiche di aree fabbricabili pur ricadenti nelle predette aree montane o di collina, sono soggette al pagamento dell’IMU;

Sono, altresi', esenti dall'IMU i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;

Si forniscono di seguito le seguenti indicazioni principali:

  IMU

  CODICE CATASTALE COMUNE DI BUCCIANO = B239

 

ALIQUOTA 7,60

ALIQUOTA 4,0

  Codice tributo comunale 3914 Terreni agricoli

  Codice tributo comunale 3912

  Unità immobiliari adibite ad abitazione principale e relative pertinenze del soggetto passivo,

 

classificate nelle categorie catastali A/1, A/8, e A/9

  Codice tributo comunale 3916 Aree fabbricabili

  Codice tributo comunale 3918 Altri fabbricati

  Codice tributo STATO 3925 solo per gli immobili di categ. D

Scadenze:  la rata entro il 18

giugno 2018

2a rata entro il 17 dicembre 2018


   TASI

  ALIQUOTA 1,0

 

Codice tributo 3959

Fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’articolo 13 comma 8 del D.L. n. 201/2011, convertito con modificazioni in legge n. 214/2011 e ss.mm.ii.

   Codice tributo 3960

Aree fabbricabili

  Codice tributo 3961

Altri fabbricati

RIPARTIZIONE DEL TRIBUTO

  Nel caso in cui l’unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal proprietario, ad esempio inquilino o comodatario, il proprietario e loccupante sono tenuti a pagare la TASI nel seguente modo: proprietario 80%

occupante    20%

 

 In caso di occupazione temporanea di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, la TASI è dovuta soltanto dal possessore dei locali.

 

 Scadenze:

la rata entro il 18 giugno 2018

2a rata entro il 17 dicembre 2018

 

  AREE FABBRICABILI

 valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione (art. 5, c. 5, D.Lgs 504/92). I valori di riferimento stabiliti dal Comune di Bucciano, per tale tipologia, sono i seguenti:

ZONA OMOGENEA

DESCRIZIONE

VALORE IN EURO AL MQ.

B

Di completamento

€ 55,38

BR”

Di ristrutturazione

€ 52,83

C”

Di espansione non ancora lottizzata

€ 31,25

C”

Di espansione lottizzata

€ 47,43

C167”

Per l’edilizia economico e popolare

€ 31,24

D”

Artigianale industriale commerciale

€ 39,76

F

Servizi generali

€ 21,17

E”

Agricola edificata

€ 10,33

TARI

 

 La TARI per lannualità 2018 verrà riscossa con le seguenti scadenze:

 

 

 

Rata unica

31 Maggio 2018

1a Rata

31 Maggio 2018

2a Rata

31 Luglio 2018

3a Rata

30 Settembre 2018

4a Rata

30 Novembre 2018

 

 Si informa che sul sito istituzionale (www.comune.bucciano.bn.it) è stata attivata una apposita sezione relativa alla IUC, dove sono reperibili tutte le informazioni utili nonc resi disponibili gli applicativi per il calcolo dell' IMU e della TASI nonc per la stampa dei relativi modelli F 24.

 

Per ogni ulteriore informazione i Contribuenti possono rivolgersi al Settore Tributi dell'Ente, nei giorni ed orari di ricevimento al pubblico.

 

Bucciano, 18/04/2018

 

Il Funzionario Responsabile della IUC F.to

(dott.ssa Claudia Filomena IOLLO)

 

 

Allegati:
Scarica questo file (INFORMAZIONI IUC 2018OK.pdf)INFORMAZIONI IUC 2018OK.pdf[ ]525 Kb